Cresce la domanda mondiale di oro

La domanda mondiale di oro, lingottigrazie al forte interesse degli investitori occidentali, continua a salire anche nel secondo trimestre, così da portare il dato del primo semestre vicino a un record. Lo sostiene un rapporto del consiglio mondiale dell’oro (Cmo), la federazione che riunisce i più grandi produttori del metallo giallo a livello globale. Tra Aprile e Giugno 2016 la domanda mondiale di oro a raggiunto le 1050 tonnellate, contro le 910 tonnellate dello periodo del 2015. Il primo semestre vede così salire il totale della domanda mondiale di oro. Gli investitori cercano di diversificare il rischio, acquisiscono beni rifugio di fronte a una situazione di instabilità sociale e economica che continua.

BVLGARI

Bulgaribulgari gioielli

Bulgari è una società italiana fondata nel 1884, attiva nel settore del lusso: la gioielleria, l’orologeria, la profumeria, la pelletteria, e l’industria alberghiera. Dal 2012 fa parte del gruppo LVMH.

Il nome del marchio si scrive generalmente “BVLGARI” secondo l’alfabeto latino classico (secondo il quale V=U) e proviene dal cognome del fondatore greco dell’azienda Sotirios Voulgaris, di origine arumena.

La famiglia dei gioiellieri Bulgari proviene da un piccolo villaggio arumeno dell’Epiro, Kalarites, dove il capostipite, Sotirios, produceva oggetti in argento.

Sotirios decise di abbandonare l’Epiro per cercare fortuna in Italia: la prima tappa fu Napoli nel 1881. Un furto improvviso avvenuto nottetempo lo destinò a trasferirsi a Roma nel 1884, anno riconosciuto come fondazione del marchio.

Assieme al suo socio di allora, Demetrio Kremos, poté esporre le sue creazioni all’interno di una gioielleria di via Sistina. Il successo ed il gradimento della clientela fecero si che Sotirios potesse aprire pochi anni dopo la sua prima boutique in via Sistina, aprendo poi nel 1895 in via Condotti 28.

Sotirios capì che poteva non limitare la produzione ad oggetti in argento iniziando a produrre oggetti a maggior preziosità. Nei primi anni del ventesimo secolo si poté notare un notevole cambiamento a partire dall’impronta delle vetrine esterne meno affollate di oggetti per dar risalto alle creazioni. Ispirandosi ai gioiellieri parigini, creò oggetti in platino, smeraldi, diamanti scomponibili; alcuni di essi prevedevano collane che potessero trasformarsi in due bracciali o spille che potevano divenire pendenti.bulgari

Oro al Top, ma con Brexit correrà ancora

Oro

Continua a correre il valore dell’oro, ormai al top da due anni, il prezzo del metallo giallo si è portato sopra la soglia dei 1300 dollari l’oncia, beneficiando dell’incertezza che domina i mercati, a una settimana dal Referendum sull’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. Gli economisti ritengono che in caso di Brexit non solo l’economia d’Oltremanica registrerà un contraccolpo, ma l’onda lunga si farà sentire sulla congiuntura mondiale, mentre i mercati finanziari probabilmente andranno sulle montagne russe. In prospettiva di tale scenario gli investitori optano per porti sicuri, come l’oro o titoli di stato considerati più solidi. Anche nomi eccellenti della finanza come George Soros, si sono lasciati conquistare dall’oro, passione che la dice lunga sul pessimismo dei mercati.lingotti

Berillo

Berillo

Il gruppo dei Berilli è particolarmente nobilitato per la sua varietà verde , nota come Smeraldo . Il berillo, è un minerale allocromatico, oltre ad essere incolore, si presenta in una vasta gamma di varietà con colorazioni che vanno dall’ azzurro al giallo , e dal rosa al rosso. I berilli erano noti ai popoli antichi, specialmente nella varietà smeraldo, che pare sia comparso sui mercati della Babilonia intorno al 4000 a.C.     Per quanto riguarda la nomenclatura, tutte le varietà vanno definite come berilli di vario colore, per esempio,

berillo rosa, berillo giallo, ecc.  Non rientrano in questa categoria la varietà verde che deve essere definita Smeraldo e la varietà azzurra , la cui denominazione deve essere Acquamarina.

   smeraldo-11   Il  nome Smeraldo  trae origine dal greco smaragdos che significa pietra verde, ed è la varietà più pregiata dei berilli. Come per il rubino, anche per lo smeraldo, in passato venivano chiamate così tutte le gemme di colore verde, nel tempo il suo inconfondibile colore è diventato per antonomasia sinonimo di una determinata tonalità di verde.     I più antichi rinvenimenti di smeraldi furono probabilmente quelli del Mar Rosso in Egitto, noti anche come le miniere di Cleopatra, che fornirono le gemme che adornano i gioielli dei faraoni.  I primi smeraldi colombiani, giunsero in Europa intorno al 1500 ad opera dei conquistatori spagnoli.

La sua colorazione è dovuta alla presenza di ossido di cromo e vanadio, è una gemma trasparente, ma può talvolta ridursi a traslucida per una eccessiva presenza di inclusioni, quest’ ultime molto frequenti, a volta possono essere considerate testimoni dell’ origine naturale della pietra.   Il colore  non è modificabile né dalla luce né dal calore inferiore a 800°C. , essendo  una gemma relativamente “fragile”, ( durezza 7,5/8 sulla scala di Mohs ), la dilatazione calorica potrebbe provocare delle rotture, per questo motivo si tende a non effettuare questo trattamento.   Lo smeraldo, prevalentemente, viene tagliato a forma quadrata o rettangolare , sfaccettata a gradini, più raro il taglio a goccia o ovale, se la materia prima è poco pregiata, presenta quindi notevoli inclusioni, viene preferito il taglio cabochon.

 Una delle gemme di smeraldo più famose si trova nel Museo di storia naturale di New York , denominato Patricia , di 632 carati, fu ritrovato nel 1920 a Chivor;  un altro famoso cristallo, Devonschaire,  del peso di 1348 carati, è posseduto dai Duchi di Devonshaire, ai quali fu donato dall’ Imperatore del Brasile Pedro I.

I principali giacimenti di estrazione di Smeraldi si trovano in Colombia, Brasile, Tanzania e nel settore asiatico dei Monti Urali.   Esistono molte gemme “trattate” prima del taglio per nascondere le imperfezioni naturali, ma anche molte imitazioni di sintesi, visto la preziosità delle stesse, con ottimi risultati.

 

Tanzanite

tanzaniteTanzanite

La tanzanite è un minerale, più precisamente è una varietà della zoisite; fu scoperta nei primi di Gennaio del 1967 nel nord della Tanzania ai piedi dei monti Merelani nei pressi della città di Arusha. Il suo utilizzo più comune è nella gioielleria: apprezzata grazie alle sue caratteristiche cristalline ed al pleocroismo (il colore che va dal blu al viola cambiando a seconda della luce).

La tanzanite è una gemma rara. Il nome Tanzanite le venne dato dalla maison Tiffany in onore dello stato in cui la gemma fu scoperta. Prima del nome definitivo si scartò l’ipotesi di conferirle il nome commerciale d Zoisite blu poiché esso suonava troppo simile al termine inglese suicidio (suicide). Vennero inoltre proposti molti nomi come zaffiro del monte Meru, zoisite-zaffiro, e zaffiro-zoisite. Al tempo il titolo di scopritore della tanzanite fu attribuito a un certo Manuel D’Souza ma fu accertato successivamente che il vero scopritore fu un abitante del luogo di nome Ndugu Jumanne Ngoma, il quale dopo numerose peripezie riuscì ad ottenerne il riconoscimento, avallato nel 1984 da una certificazione del ministero delle risorse minerarie della Tanzania.

Uno dei più famosi cristalli è il Queen of Kilimanjaro di ben 242 carati.

Tormalina

Tormalina

Si pensa che il nome Tormalina derivi dalla parola Cingalese “turmali” che significa misto. La tormalina infatti può, più di altra specie mineralogica, presentarsi in natura in una moltitudine di colori e tinte diverse. Per questo motivo, nella storia molte tormaline sono state scambiate per altre gemme come ad esempio avvenne, fino al diciassettesimo secolo, per i cosi detti “rubini” della corona Russa. A seconda del colore si identificano varie specie di Tormalina, il cui pregio varia a seconda qualità della gemma e della sua rarità, qui di seguito alcuni esempi:tormalina

Indicolite

Rubelite

Verdelite

Dravite

Cromo – Tormalina 

Paraiba

La purezza delle tormaline varia a seconda della colorazione e della loro rarità.

Le colorazioni rosa – rosse  della Rubelite presentano di solito maggiori inclusioni rispetto alla varietà Indicolite. Per le altre varietà più rare come la Paraiba piccole inclusioni sono accettabili vista la scarsità di estrazione di questo materiale.

Il prezzo al carato rimane costante per le varietà più comuni mentre sale per pietre sopra il carato di Paraiba e Cromo – tormalina.tormalina verde

Ricorda:

“Non esistono colori simili, alcune Tormaline si possono vedere una sola volta nella vita”

 

Aste milionarie, diamanti

Diamanti

Il più grande diamante grezzo esistente al mondo, il cui valore è stato stimato a oltre 70 milioni di dollari, sarà messo all’asta da Sotheby’s il 29 Giugno a Londra. La pietra, chiamata “Lesedi La Rona”, è stata trovata nove mesi fa in Botswana dalla società specializzata nell’estrazione di diamanti Lucara. Con i suoi 1109 carati, è il diamante grezzo più grosso mai scoperto da oltre 100 anni. Il record storico è finora detenuto dal leggendario “Cullinan” di 3106,75 carati, scoperto nel 1905 in Sudafrica e trasformato in nove diamanti per i gioielli della corona britannica.diamante

L’argento strappa all’oro il migliore asset dell’anno

Argento migliore asset dell’annoLingotti argento

Se lo sprint dell’oro nel 2016 ha lasciato molti osservatori a bocca aperta, quello dell’argento è diventato da qualche giorno ancora più sorprendente: il metallo ha accelerato la corsa al punto da spingersi fino a 17,70 dollari l’oncia, un record da 11 mesi, e usurpare al fratello più nobile il ruolo di migliore asset dell’anno, con un rialzo di oltre il 23%. L’oro si è invece apprezzato di circa il 18% .

Le scommesse sull’argento sono cresciute con un effetto valanga, autoalimentando i rialzi.

Infine, la produzione è in calo: l’argento, sottoprodotto di altre attività estrattive, soffre la frenata degli investimenti delle minerarie. Il Silver Institute prevede che quest’anno ne verrà estratto il 5% in meno e che il declino proseguirà almeno fino al 2019.

Moneta Krugerrand

Krugerrand

Il Krugerrand è una moneta d’oro sudafricana coniata per la prima volta nel 1967 con l’obbiettivo principale di sostenere sul mercato l’oro sudafricano.

Il Krugerrand è mezzo di pagamento legale in Sudafrica anche se in origine non era stato inteso come vera e propria valuta.

Il nome di questa moneta d’oro deriva dal ritratto di Paul Kruger impresso dal dritto, Krugerrandmentre al rovescio si trova una gazzella (springbok), uno dei simboli nazionali del Sudafrica. Il nome “Suid-Afrika/South Africa” è indicato insieme con il valore nominale in afrikaans e in inglese. Kruger fu un uomo politico della fine dell’Ottocento che fu presidente della Repubblicata del Transvaal. Il Krugerrand fu la prima moneta in lingotti ad essere trattata al valore di mercato del suo effettivo contenuto in oro. Nel caso invece di altre monete d’oro precedenti, come la britannica Gold Sovereign, il valore nominale poteva divergere anche sensibilmente dal valore dell’effettivo contenuto in oro.

Il Krugerrand è stata inoltre la prima moneta a contenere un’oncia di oro fino e ad essere destinata a costituire uno strumento per il possesso legale dell’oro da parte dei privati.

Topazio

L’origine del nome non è certa, ma pare che derivi da Topazos, isola del Mar Rosso , da cui i romani prelevavano pietre preziose; altra ipotesi è che derivi dalla parola fuoco in sanscrito.

Il topazio è stato scelto da Mohs, per occupare l’ ottava posizione della scala delle  durezze.

In passato venivano indicate come topazio, tutte le pietre di colore giallo, ma in maniera erronea, ancora oggi qualche settore merceologico indica il quarzo citrino come topazio.topazio

La colorazione maggiormente riconosciuta è appunto quella gialla, ma in natura esistono anche colorazioni azzurre, azzurre – verdognolo, rosa, rosso e incolore. Sicuramente la più rara e pregiata è quella rossa, ma non sempre è naturale, in quanto portando la gemma ad una temperatura di 450°C si possono ottenere ottime colorazioni dal rosa al rosso.

Per questo tipo di gemma si predilige un taglio a scalini o a cabochon, per la colorazione incolore, viene usato anche un taglio rotondo a brillante, come imitazione del diamante.

Il topazio più celebre è Il Braganza , incolore e del peso di 1640 ct che si trova sulla corona del Portogallo.  Le miniere più produttive sono situate in Brasile e in Siberia.

1 5 6 7 8 9